sabato 12 novembre 2011

La Leggenda del Re Niliu

Leggenda del Re Niliu "Tipica Leggenda Calabrese"
Un mitico Re Niliu, al cui nome si richiama una grotta dritta, a cunicolo, che dal centro del crinale si perde nelle viscere del monte Tiriolo, è il protagonista di una leggenda nella quale sono coinvolti una famiglia regale, una fanciulla bella ma povera, l'ingenuo servo e un gallo.Niliu, rampollo principesco, s'invaghisce di una giovane popolana, con la quale compie una fuga d'amore perché i propositi di coronare felicemente il loro sogno, vengono contrastati dalla madre.Sul giovane in fuga pesa la maledizione dei genitori: sciogliersi come cera colpito dai raggi del sole.Niliu può incontrare la moglie e il figlio nato dall'unione con la fanciulla, soltanto di notte nel lungo cunicolo naturale che dalla cima del monte arriva fin sul mare, nei pressi della foce del Corace, dove nel frattempo aveva trovato riparo il resto della famiglia. Il giovane viene avvertito del sorgere del sole dal canto del gallo.La bella storia d'amore tra il principe e la popolana arricchita dal sorriso di un fanciullo rubicondo, va avanti per parecchio rtempo e fino ….. fino a quando le fate hanno deciso di non far cantare il gallo.Nella fatidica alba, sorpreso dai raggi del sole, Niliu in preda alla disperazione, al servo fedele che chiede conto del lascito delle ricchezze, predice di lasciare tutto al diavolo, il quale a sua volta, diviso il denaro in tre gruzzoli (d'oro, d'argentoo e di bronzo) lo nasconde nelle viscere del monte. L'incantesimo, narra la leggenda in conclusione, si può solo rompere con il ricorso a pratica diabolica.Si riporta di seguito il "Canto do Re Niliu" (brano in dialetto tiriolese tratto dal testo di una rappresentazione teatrale scritto dagli alunni e dai docenti della 1a B e 1a C - anno scolastico 1987/88 - della scuola media statale "V. De Filippis" di Tiriolo) dove si immagina che Demodoco (cantore della corte di Alcinoo) narra tale leggenda per allietare una delle serate trascorse da Ulisse nella terra di Tiriolo. (in corsivo è riportata la voce del coro).

"Mo vi cuntu do Re Niliu
chi ppe amure e na cotrara
allu sule si squagghiau cumu la cira

Chista è a storia do Re Niliu
chi ppe amure e na cotrara
allu sule si squagghiau cumu la cira
Na vota c'era intra na reggia
allu munte e Tiriuelu
nu Re e na regina
chi avianu nu figghiu sulu

Chista è a storia do Re Niliu
chi ppe amure e na cotrara
allu sule si squagghiau cumu la cira
Stu figghiu Niliu si chiamava
de beddhrizza a nu Diu assumigghiava.
Nu juernu na tiriolisa canusciu
beddra ma 'ncamata e sinde nnamurau.

Chista è a storia do Re Niliu
chi ppe amure e na cotrara
allu sule si squagghiau cumu la cira
A regina ppe a cotrara nun vulia.
Ma Niliu, nnamuratu, ull'ascultau
e a mamma mbelenata u smalediu.

Smaledittu mu si, si iddra ti pigghi
cumu a cira mu ti squagghi
quandu u sule ti cogghe.
E Niliu nummu u sule l'adducia
a na cambera scura si stapia
alla marina a cotrara sinde jiu
e ddra nu picciuliddu partoriu.

Smaledittu mu si, si iddra ti pigghi
cumu a cira mu ti squagghi
quandu u sule ti cogghie.
Ogne vota cchi u picciriddhu jia e trovava
sta ninna nanna Niliu cce cantava

Duermi, duermi gran ninnulu mio
ca è venuta lu tata tue
mu ti porta lu vatticundeu
E si mai li gaddhi canteranu
io sempre stapera ccu tia
duermi duermi gran ninnulu mio.
E ninfe mu ce fannu nu piacire
nu juernu nu gaddhu nun ce ficeru sentire
tutti li gaddhi ficeru ammutare
pemmu ccu u figghiu cchiuu asssai potia restare.

Duermi, duermi gran ninnulu mio
ca è venuta lu tata tue
mu ti porta lu vatticundeu
E si mai li gaddhi canteranu
io sempre stapera ccu tia
duermi duermi gran ninnulu mio.
Niliu da grutta era ancora alluntanatu.
E cchiu lu sule u pigghiava de mira
cchiu Niliu si squagghiava cumu a cira

Smaledittu mu si, si iddra ti pigghi
cumu a cira mu ti squagghi
quandu u sule ti cogghie.
U serviture vidienndulu sturdire
un si stancava a furia e domandare:
"Patrune a ccu ce dessi li dinari?"
"A tia, a tia, ma io volera campare"
ma ngordu u serbiture ripetia:
"Ma dessi tuttu solamente a mia?"

Chista è a storia do Re Niliu
chi ppe amure e na cotrara
allu sule si squagghiau cumu la cira
Niliu squagghiava, unn'avia mancu jatu
e stancu d'essere malu ripagatu
ccu chiddru poco e forza cchi avia
disse: "Tuttu o ddio do male e no a tia"

Chista è a storia do Re Niliu
chi ppe amure e na cotrara
allu sule si squagghiau cumu la cira
I sordi tutti o Ddio do male restaru
servi e patruni invanu pue e cercaru
u ddio do male nde fice tri munzieddri
e a na grotta do munte l'ammucciau
Ancora i gienti cercanu u tesoru
cu dice ca è na jocca e cu monete d'oru.

Chista è a storia do Re Niliu
chi ppe amure e na cotrara
allu sule si squagghiau cumu la cira
E vecchie tiriolise, si e dimandi
dicenu ca si cerchi a tutti i mundi
un truevi né dinari né tisoru.
si un fatichi e nun si buonu de core.

Chista è a storia do Re Niliu
chi ppe amure e na cotrara
allu sule si squagghiau cumu la cira"

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono sempre graditi. E' bene ricordare però che i commenti offensivi o irrispettosi verranno immediatamente cancellati.
Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

scorciatoie post