sabato 19 febbraio 2011

Il Regno delle Fate

Quando il primo bambino sorrise... per la prima volta...
il suo riso si spezzò in mille frantumi che si sparsero saltellando
da tutte le parti.

Quella fù l'origine delle fate.

Mille e mille anni fa una schiera di uomini e donne bellissime uscirono dalle fitte nebbie che circondavano il grande nord.Erano i Tuatha e i Dunaan , gli “Uomini della Dea”.Saggi , forti ed esperti di magia, i Tuatha conquistarono ben presto tutta l’Irlanda. Regnarono indisturbati e felici per secoli, fino a quando arrivò dal sud un popolo dai capelli rossi: i Gaeli.I Tuatha nascosero le spiagge dell’isola dietro dietro una grande nuvola nera e scatenarono una tremenda tempesta. I Gaeli furono così ricacciati indietro, non riuscendo ad approdare. Tra le loro fila c’era però un grande druido dotato di grandi poterimagici che comandò alla tempesta di cessare. I Gaeli poterono così sbarcare sulle coste dell’Irlanda e i Tuatha persero una battaglia dopo l’altra , passando da re e padroni a miseri servi. Piuttosto che obbedire ai Gaeli , gli orgogliosi Tuatha preferirono scomparire e nascondersi, chiedendo aiuto al grandissimo mago Manannan , conoscitore di tutti gli incantesimi di questo e dell’altro mondo. Manannan esplorò tutta l’Irlanda per cercare le colline e le vallate più verdi e più belle perché diventassero la dimora segreta del suo popolo, poi lo circondò da mura invisibili, che nessuno poteva attraversare. I Tuatha impararono a rendersi invisibili per entrare e uscire dal loro regno.Da allora i Tuatha si trasformarono in creature fatate potentissime, chiamate dagli uomini Sidhe o Piccolo Popolo...
Dove si trova la «terra delle Fate»? 

La sua posizione è sfuggente. A volte è appena sopra la linea dell'orizzonte, altre sotto i nostri piedi. Tuttavia, ci sono state epoche in cui si credeva che la terra delle Fate fosse una zona geografica reale, sebbene anche questa avesse la tendenza a spostarsi. I gallesi, per esempio, pensavano dapprima che fosse situata a nord della loro terra montagnosa e in seguito nella misteriosa penisola occidentale del Pembrokeshire, tutta rocce e nebbia. Più tardi la trasferirono in un'Isola del canale di San Giorgio, al largo della costa del Pembrokeshire. La scorgevano, talvolta, i marinai: qualcuno vi sbarcò anche, sparendo in modo sconcertante. Nonostante ciò, si diceva che i suoi fantastici abitanti visitassero frequentemente i mercati di Laugharne e di Milford Haven. Gli irlandesi chiamarono Hy Breasail l'isola fantasma che, secondo loro, si trovava a ovest. I britanni erano convinti che l'isola fantastica fosse l'Isola di Man. Quest'isola è una fonte ricchissima di tradizioni elfiche.Avalon è probabilmente l'isola delle Fate più famosa. Il leggendario Re Artù, descritto dal poeta Lydgate del XV secolo come un «re incoronato nella terra delle Fate», fu portato qui ferito a morte per essere curato da quattro regine delle Fate. Sì crede che Artù giaccia ancora, con i suoi cavalieri, nel cuore di una collina immaginaria, immerso in un sonno profondo da cui si sveglierà nell'ora del bisogno per governare le sue terre.Il regno delle Fate può svelarsi senza preavviso in qualsiasi luogo, luminoso e scintillante, e sparire con la stessa rapidità. Le sue frontiere di crepuscolo, foschia e illusione ci circondano e, come una marea che si ritira, possono momentaneamente svelarci la terra delle Fate prima dì chiudersi nascondendola di nuovo. Gli abitatori della terra delle Fate si dividono in parecchie specie differenti, a seconda del luogo in cui vivono. Oltre agli esseri che conducono una vita appartata, ci sono Elfi agresti che stabiliscono la loro dimora nelle foreste (oppure, a volte, più specificamente «adottano» un albero, al punto che l'Elfo e l'albero diventano più o meno sinonimi), nei campi, sulle colline e nelle caverne in montagna. Esistono, inoltre, creature soprannaturali che vivono su isole fantastiche o in terre sotto gli oceani ed altre che popolano i mari, i laghi e i fiumi, infine ci sono gli spiriti familiari e della casa (brownie e così via).All'interno delle varie specie il tipo di vita cambia in modo notevole dalle piccole unità familiari alle comunità organizzate gerarchicamente (che spesso abitano colline cave) e agli esseri solitari e indipendenti come i Leprechaun.

Il Regno delle Fate?Dove si trova il regno delle Fate?

A volte appena sopra l'orizzonte, a volte sotto i nostri piedi.In ogni paese del mondo c'è un regno delle Fate; quindi ci sono Fate italiane, Fate americane, Fate francesi, Fate russe, Fate inglesi etc.etc.Nel Galles pensano che il regno delle Fate si trovi in un'isola, nel canale di San Giorgio, al largo della costa del Pembrokeshire.Gli Irlandesi chiamarono Hy Breasail l'isola fantasma che, secondo loro, si trovava ad ovest e che secondo loro accoglieva il regno delle Fate.Mentre per i britannici l'isola fantastica è l'isola di Man.Ma la più famosa delle isole magiche è senz'altro l'isola di Avalon. Il leggendario Re Artù si dice vi sia stato incoronato e che in seguito, ferito a morte, vi sia stato portato per essere curato da quattro Regine delle Fate, e che il suo corpo immerso in un magico sonno sia nascosto nel cuore di una collina dell'isola.Il Regno delle fate può svelarsi all'improvviso in qualsiasi luogo, luminoso e scintillante, e sparire con la stessa rapidità.Terrapieni, forti e colli antichi sono le altre dimore tradizionali delle Fate, e a riprova di ciò, la parola gaelica che indica le Fate è Sidhe, che significa popolo delle colline.Le pareti delle caverne scelte dalle Fate per dimora, trasudano gocce dorate. Ogni collina ha il suo Re e la sua Regina; di solito, però, sono legati da un vincolo di fedeltà a un Gran Re, dei quali il più conosciuto, l' "Oberon " dei poemi cavallereschi medievali, deve la sua bassa statura ad una maledizione che gli fu lanciata durante il battesimo.Le isole non sono tutte uguali, alcune galleggiano sull'acqua, altre sono appena sotto la superficie e spuntano solo di notte, oppure una sola volta ogni sette anni. O ancora, parecchi metri sotto l'acqua, ma solo in apparenza, la zona dove sorge l'isola è completamente asciutta, ma circondata da un muro d'acqua a mò di scogliera.Al largo della costa del Galles, si dice che a volte si possano scorgere i " Verdi Prati dell'Incanto ", una terra che si intravede appena sotto la superficie del mare, ricoperta di alberi e fiori ed erba, fra gli steli e i fili nuotano i pesci.Molti laghi del Galles proteggono dal mondo esterno le dimore delle fate, nascondendole alla vista degli esseri umani.Oppure, come nel caso della Dama del Lago, la superficie d'acqua è solo un'illusione creata per proteggere da occhi estranei l'ingresso della propria dimora.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono sempre graditi. E' bene ricordare però che i commenti offensivi o irrispettosi verranno immediatamente cancellati.
Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

scorciatoie post